Offerta didattica

Nella scuola primaria “Dante Alighieri” sono presenti due modelli orari: il tempo pieno che prevede 40 ore settimanali su cinque giorni, da lunedì a venerdì, dalle ore 8.15 alle ore 16.15 (con un intervallo di un’ora e quarantacinque minuti per la refezione); il tempo “comune” che prevede 28 ore settimanali distribuite su cinque giorni, da lunedì a venerdì con l’ingresso alle ore 8.15 e l’uscita alle ore 12.45 nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì e alle ore 15.30 nei giorni di martedì e giovedì (con un intervallo di un’ora per la refezione).
Sta per essere abbandonata, invece, l’organizzazione didattica su sei giorni che non è più richiesta dalle famiglie.

Nelle classi a tempo pieno le ore di compresenza degli insegnanti vengono impiegate per sviluppare attività progettuali e laboratoriali; in queste occasioni vengono costituiti gruppi di alunni appartenenti a classi diverse del tempo pieno. Sono frequenti, tuttavia, anche le attività svolte in collaborazione con le classi del tempo “comune”.

La giornata tipo alla “Dante Alighieri” inizia al suono della campanella: momento nel quale le docenti pongono particolare cura. Le insegnanti hanno scelto di utilizzare ingressi differenti per le due tipologie di orario: gli alunni del tempo “comune” entrano dall’ingresso principale, si radunano in punti prestabiliti e si recano nelle aule insieme all’insegnante della prima ora; gli alunni del tempo pieno entrano dall’ingresso lato giardino e, dopo la chiamata della propria classe, si recano direttamente nelle aule insieme all’insegnante in turno antimeridiano.

L’accoglienza di ogni bambino viene curata fin dai primissimi giorni di scuola, con le azioni di un progetto specifico che vede la compresenza di due insegnanti per tutta la mattina, durante il periodo in cui non c’è la mensa, e continua costantemente fino alla quinta proprio attraverso lo scambio di comunicazione fra la famiglia e i docenti. Grande importanza viene data all’ascolto: i bambini capiscono velocemente che non solo è necessario ascoltare gli adulti e gli altri compagni ma è un diritto essere ascoltati per le piccole e grandi cose che possono influenzare la giornata scolastica.

Nella scuola permane l’adozione dei libri di testo che offrono un punto di partenza per la riflessione collettiva e l’arricchimento delle conoscenze e rappresentano una valida risorsa per lo studio individuale.
Al libro di testo si affianca la biblioteca di classe: in essa i bambini trovano i libri scelti dalle maestre, adatti alla loro età, che possono portare a casa, leggere a piacimento e consegnare ad altri compagni. Questo permette di trasmettere agli alunni il piacere della lettura, il valore della condivisione e il saper prendersi cura delle cose comuni.

Alcune attività laboratoriali sono finalizzate alla conoscenza del territorio sia come quartiere che come città. Attraverso esperienze che permettono la conoscenza dei luoghi e delle tradizioni, i bambini assumono atteggiamenti positivi per la cura del patrimonio artistico ed ambientale.

Molto stretto è il contatto con la scuola secondaria ospitata nello stesso edificio (“Formentini”, con la quale vengono condivise la palestra e la mensa) che rappresenta la scuola scelta in prevalenza dagli alunni in uscita dalla scuola primaria. Ogni anno viene sviluppato un progetto di continuità che coinvolge gli alunni delle classi quinte e le classi iniziali della secondaria.